Dopo quasi due mesi di #restiamoacasa, di spesa e di lavoro a domicilio, inizia la #fase2!
Con attenzione e sicurezza… ma si riparte.
Si deve ripartire!
A costo di convivere con l’emergenza e con la paura del virus non si può non provare a tornare alla normalità.
Sì, #andràtuttobene!

Le trame del destino danno però un sapore ancora più forte e deciso al mio #4maggio. Per me e la mia famiglia l’inizio della fase 2 coincide con l’avvio di una nuova fase della nostra vita. Un nuovo inizio: nuovi progetti, nuovi sogni da realizzare, un nuovo lavoro, nuovi colleghi e, ho buoni motivi per crederlo, nuovi amici.

Si parte dunque, convinto che il meglio dovrà ancora venire ma stavolta lo accoglieremo con gli affetti più cari accanto: i nonni di mio figlio, che per me sono da sempre genitori molto più che suoceri; mio fratello, la sua famiglia e la mia dolce nipotina che potrò vedere tutte le volte che vorrò senza dover aspettare le ferie annuali; gli amici – quelli veri – che nonostante la distanza fisica in questi anni ci sono stati accanto e che potremo presto riabbracciare.

Il tutto circondato da ciò che sa offrire la nostra terra, la #Calabria, che pur tra mille contraddizioni ha dato forma e sostanza alla parte migliore del mio carattere. E mi ha accompagnato, presenza silenziosa ma costante – a volte inconscia, a volte meno – durante questi 12 anni trascorsi in #Romagna.

Mancate solo voi, mamma e papà. Purtroppo ho fatto tardi e non ho potuto regalarvi la gioia del ritorno.
Anzi no.
Voi siete dentro tutto questo. E tutto questo è intriso della vostra presenza in modi e posti così profondi e intimi che i corpi non possono raggiungere.
E che queste parole non potranno mai descrivere.